Iniziative

COSA LEGGERE

Cerca nel sito

ISCRIVERSI

 "Io mi iscrivo all'Anpi

perché la Resistenza

non sia solo memoria del passato

ma esercizio del presente".

 ISCRIVITI

 Compila il modulo

e invialo alla sede più vicina:

 [email protected]

[email protected]

[email protected]

[email protected]

 

oppure telefona al

334 2740796

Chi è online

 3 visitatori online

ora esatta

< COMBATTEMMO PER CHI C'ERA, PER CHI NON C'ERA...PER CHI ERA CONTRO ! > Arrigo Boldrini, Bulow
Una "Fiamma" che deve tornare ad ardere a Filottrano PDF Stampa E-mail
Scritto da Cap. Gerardo Severino   
Venerdì 05 Aprile 2013 14:10

Dovremmo essere abituati ormai, dopo tredici anni di ricerca storica, a non stupirci di nuove storie di uomini e donne che, su questa nostra terra marchigiana, hanno sentito alto l'obbligo di partecipare alla cacciata di fascisti e occupanti tedeschi e alla rinascita del nostro Paese. Noi, la sezione di Filottrano, Filottrano stessa, siamo e saremo sempre grati al capitano Gerardo Severino delle Fiamme Gialle, direttore del Museo Nazionale della Guardia di Finanza in Roma, nostro collaboratore, cui sentiamo la vicinanza ideale, che ha tra altri meriti di sicuro più alto valore, anche quello di farci conoscere la vicenda umana e militare del brigadiere della Guardia di Finanza Paolo Arca, vicenda umana e militare che si svolge attorno a Filottrano.   Il destino ha voluto che questa ricerca venisse alla luce proprio quando l'ANPI di Filottrano perde il suo faro.  Anche per questo vogliamo dedicare questo pezzo al Flavio Antinori.

Questo il testo del saggio, non ancora pubblicato, che il nostro collaboratore ci riserva e che proporremmo al sindaco di Filottrano per una pubblicazione in loco.

Armando Duranti

PAOLO ARCA,
BRIGADIERE DELLE FIAMME GIALLE 
EROICO PARTIGIANO A FILOTTRANO

 

(1901 – 1957)

 
 
 
di Gerardo SEVERINO (Direttore del Museo Nazionale della Guardia di Finanza)
Leggi tutto...
 
Il nostro cordoglio PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 04 Aprile 2013 21:30
 

Il Coordinamento ANPI della Valle dell'Aspio e della Bassa Valle del Musone, la sezione ANPI di Osimo, il coordinatore Armando Duranti, rivolgono le più sentite condoglianze ai congiunti del compagno Flavio Antinori ed ai compagni ed amici dell'ANPI Filottrano.   Del compagno Flavio ricordiamo l'impegno e la severità con cui ha da sempre difeso i valori dell'antifascismo, della Resistenza e i principi sanciti dal nostro dettato costituzionale: con la militanza politica e nell'ANPI di Filottrano. Il ricordo di Flavio Antinori sarà con noi ogni volta che il glorioso tricolore dei partigiani filottranesi sfoggerà i suoi colori e la sua storia al vento; lo stesso vessillo cui il compagno Flavio  Antinori se ne fece custode per anni perché non andassero dispersi i principi e i valori che quella bandiera rappresenta, serbandola, si tenacemente, per quella nuova generazione di antifascisti che oggi rappresentano una voce viva, libera e democratica in quella città.

il Coordinatore ANPI Valle dell'Aspio e della Bassa Valle del Musone

Presidente ANPI Osimo

Armando Duranti

 

 

 

Sopra. Flavio Antinori interviene al 1° congresso di sezione ANPI Filottrano (5 dic. 2010).

Sotto. L'attuale giovane presidente dell'ANPI Filottrano Nadia Stacchiotti. Alle spalle, la bandiera originale della sezione ANPI filottranese custodita per anni da Flavio Antinori.

 
Addio a Ugo Vetere. Sindaco partigiano PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 02 Aprile 2013 13:48

Un'altro addio ad un uomo di eccezionale valore in una settimana che sembra allungare i tempi dell'inverno.

Scompare un'altro protagonista dell'alba della repubblica: Ugo Vetere.   Noi lo abbiamo conosciuto come sindaco indimenticato della capitale ma a quell'importante investituta Vetere arrivò dopo una militanza nella Resistenza e nella Lotta di Liberazione, nel sindacato.   Noi ci dispiaciamo di questa nuova mancanza consapevoli che uomini come Ugo Vetere sono sempre più rari, uomini eccezionali temprati dall'esperienza antifascista e della lotta per la libertà e la democrazia di questo Paese. Uomini delle Istituzioni che hanno più che degnamente onorato sentendosi di compiere un servizio ai cittadini.

Di seguito il ricordo di Repubblica 

Leggi tutto...
 
Appello dell'ANPI Salerno. PDF Stampa E-mail
Scritto da ANPI Salerno   
Martedì 02 Aprile 2013 13:21

 

 Il Paese ha bisogno di un governo di cambiamento.

La crisi dell’Italia è drammatica come mai era accaduto nella storia della Repubblica, e quella contemporanea e profonda dell’Europa ne rende ancora più incerto l’esito. Essa investe nello stesso tempo economia, società e istituzioni, colpisce intere generazioni e soprattutto i giovani. La stessa unità della nazione sembra essere in gioco.
Leggi tutto...
 
Laura Boldrini. Discorso d'insediamento PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 25 Marzo 2013 13:38

Di seguito il discorso d'insediamento del Presidente della Camera  Laura Boldrini, Premio nazionale ANPI Fabrizi

Care deputate e cari deputati, permettetemi di esprimere il mio più sentito ringraziamento per l´alto onore e responsabilità che comporta il compito di presiedere i lavori di questa Assemblea. Vorrei, innanzitutto, rivolgere il saluto rispettoso e riconoscente di tutta l´Assemblea e mio personale al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che è custode rigoroso dell´unità del Paese e dei valori della Costituzione repubblicana.  

Leggi tutto...
 
24 marzo 44, La giornata dell'orgoglio osimano PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Domenica 24 Marzo 2013 13:55

IL 24 marzo 1944 si consumava l'immane tragedia dell'assassinio di 335 persone alle Fosse Ardeatine.

Noi ricordiamo quell'episodio ricco di tristezza ma anche d'orgoglio perchè su questa ed altre vicende di sacrificio si é costruita l'Italia che viviamo con tutte le sue certezze e le sue contraddizioni ma comunque libera e democratica.
 

Leggi tutto...
 
Il saluto greco-romano PDF Stampa E-mail
Scritto da Armando Duranti   
Sabato 23 Marzo 2013 13:03

Fuori squadra fino a fine stagione il giocatore dell'AEK Atene  Georgos Katidis

 

E’ accaduto lo scorso 16 febbraio, poco prima della tornata elettorale ultima, che potei ascoltare dalla Presidente della Camera Laura Boldrini alcuni episodi raccolti dalla stessa sulla condizione della Grecia dal punto di vista sociale.
Un paesaggio descritto come un luogo di guerra dove, accanto alle difficoltà di ordine economico, si assommano difficoltà emergenti dal punto di vista della civile convivenza.
Leggi tutto...
 
Emancipazione femminile: la battaglia continua PDF Stampa E-mail
Scritto da Gemma Bigi - ANPI   
Sabato 23 Marzo 2013 11:50

Convegno a Milano su “La violenza e il coraggio. Donne, fascismo, antifascismo, Resistenza. Ieri e oggi”

 

A Milano l'Anpi ha aperto le celebrazioni per il 70° dell'inizio della Lotta di Liberazione - che vedrà l'associazione impegnata in iniziative su tutto il territorio nazionale per i prossimi tre anni. Lo ha fatto dedicando un convegno alla questione femminile e alla storia delle donne.
“La violenza e il coraggio. Donne, fascismo, antifascismo, Resistenza. Ieri e oggi”, questo il tema della manifestazione che si è svolta il 16 marzo a Palazzo Marino, la prestigiosa sede municipale, con il patrocinio del Comune di Milano.

Leggi tutto...
 
L'ultima Thule? PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Sabato 16 Marzo 2013 20:29

Dopo Laura Boldrini un'altra figura di enorme prestigio assume le redini della Repubblica Italiana e diventa la seconda carica della stessa: Pietro Grasso. 

 Noi che abbiamo ogni anno dato seguito alla lotta antimafia premiando Ingroia e Gratteri, costruendo dove possibile la cultura dell'antimafia, non possiamo che applaudire a questa scelta.   L'antimafia, chi lotta in prima linea, nella trincea, per la legalità e la moralità nel Paese, ritrova, dopo Luciano Violante, un protagonista nelle più alte sedi istituzionali.   Il Parlamento oggi ha il volto di chi vuol cambiare questo Paese.   Ci sarà un'altra possibilità?

Grasso.jpg

 

 

Pietro Grasso ad Osimo

 
 
Laura Boldrini presidente della Camera! PDF Stampa E-mail
Scritto da Armando Duranti   
Sabato 16 Marzo 2013 12:57

 

Eletta la Premio Fabrizi 2011 Laura Boldrini presidente della Camera dei Deputati. - «In Parlamento sono stati scritti dei diritti costruiti fuori da qui e che hanno liberato l'Italia e gli italiani dal fascismo. "

 

Stamattina abbiamo aperto auspicandovamo l'elezione di Laura Boldrini a presidente della Camera dei Deputati: adesso é vero. Laura Boldrini é la terza carica dello Stato: è la Presidente della Camera dei Deputati della Repubblica Italiana. Per questo elogiamo chi ha avuto la forza di una proposta dal profilo etico e morale alto come quella di Laura Boldrini, aldilà dello schema e dei propri seppur legittimi interessi di partito. Il discorso d'insediamento della neopresidente non poteva essere diverso da quello pronunciato conoscendo bene la nostra conterranea. Un discorso diretto, chiaro, a sostegno di quei temi che più collegialmente si definiscono diritti umani. Un passaggio, più d’ogni altro, ha scosso la nostra mente, ha toccato il nostro cuore. Un passaggio alto, pieno d’orgoglio e che ha echeggiato forte e chiaro in un'aula parlamentare, chiuso da scroscianti applausi, più forti che altri. Ci riferiamo al momento cui la neopresidente ha evocato, con poche parole, la storia di questo Paese e della nascita del diritto con il sacrificio dei partigiani attori della lotta antifascista e della Costituzione repubblicana. Una parola, Fascismo appunto, da qualche tempo non pronunciata con toni tanto veementi di condanna; toni che hanno origini e ragioni profonde, origini e ragioni anche nella forte lotta antifascista e resistenziale anconitana cui Laura é simbolicamente figlia. Toni non più usuali specie in una circostanza come questa. Parole e toni che materializzano in parte i nostri sacrifici, iniziando proprio da quelli della nostra ANPI di Osimo e del Premio Nazionale ANPI “Fabrizi”. Laura Boldrini non ha mai nascosto i propri ideali antifascisti e li ha usati continuamente in campagna elettorale specie alla presenza delle aggressioni come quella a danno di Sandro Ruotolo. Il 16 febbraio scorso, due giorni prima cioè delle politiche che l'avrebbero gratificata con l'elezione, venendo a Osimo, Laura Boldrini richiese espressamente la nostra presenza al suo incontro pubblico. Nella circostanza, la Boldrini si soffermò a lungo nel suo intervento, sulla pericolosità dei siti web che si dichiarano espressione del neofascismo. Continuando, la Boldrini espresse in quella circostanza, tutta la sua preoccupazione per il seguito che hanno i movimenti neofascisti come Casapound in Italia o Alba Dorata in Grecia, narrando, per giunta, episodi di violenze gravi e gratuite sugli immigrati da parte di esponenti dell'estrema destra neonazista greca così come in Italia. In quella circostanza parlammo insieme anche del lavoro che non c'é e che limita fortemente i diritti dell’uomo e quindi la libertà di ciascuno; che la strada da seguire non é quella di ridurre i diritti ma, caso mai, di estenderli a protezione di chi rimane invischiato nelle maglie della disoccupazione o, più genericamente, di chi rimane indietro. Chiudiamo sentendoci orgogliosi di aver individuato in Laura una benemerita del nostro Paese, nella certezza che dal suo scranno di terza figura dello Stato, saprà continuare meravigliosamente il suo lavoro a favore delle donne, contro il disagio, per la libertà e la democrazia, per la difesa della Costituzione che, come ha ricordato nel passaggio parlamentare di qualche ora fa, nasce dalla Lotta di Liberazione. In bocca al lupo, Presidente

   

                      Laura Boldrini presentata da Chiara Principi,

                                      Osimo Premio Fabrizi 2011

     DSC_0346.jpg 

   

                                          La consegna del premio

 

     

 

 
Sostegno alla proposta PD su Laura Boldrini PDF Stampa E-mail
Scritto da Armando Duranti   
Sabato 16 Marzo 2013 08:57

 

 

 

Il video di presentazione della candidata Laura Boldrini , portavoce dell'Alto Commissariato per i rifugiati dell'ONU UNHCR, al Premio Nazionale ANPI Fabrizi svoltosi a Osimo il 17 aprile 2011 al Teatro la Nuova Fenice. 

Abbiamo appena appreso che nel difficile travaglio istituzionale per l'assegnazione della seconda e della terza carica del Paese vengono proposti dal partito di maggioranza PD due nomi di alto profilo: l'ex procuratore DIA di Palermo Grasso e Laura Boldrini. Due storie assolutamente diverse ma unite dalla stessa forte idealità riverente nei confronti delle Istituzioni, determinate dalla Costituzione della Repubblica nata dalla storia resistenziale, e della difesa dei diritti umani. Laura Boldrini, Jesina e quindi marchigiana, ha da noi ricevuto il Premio Nazionale ANPI "Fabrizi" nel 2011. E' donna forte, determinata e, questa sua determinatezza, l'ha profusa a piene mani intervenendo, non da dietro una scrivania, nelle situazioni umanitarie d'emergenza come quelle dei rifugiati. Quando la parte maggioritaria allora del Paese non volgeva lo sguardo compassionevole verso gli sbarcati dall'Africa, Lei si stagliò anche contro il governo di allora erigendosi a paladina degli immigrati che attraversavano miglia di Mediterraneo nella speranza di avere un futuro. Ricordiamo che qualcuno,l'on. La Russa per intenderci, la tacciò di essere figlia dell'omonimo comandante partigiano Arrigo Boldrini. A ciò lei rispose: Ne sarei fiera!. Questo il video della presentazione di Laura Boldrini cui, personalmente e a nome del l'ANPI di Osimo, rivolgo ancora stima, riconoscenza e amicizia, augurandole davvero lo scranno più alto di Montecitorio dimostrando così al mondo che l'Italia non é in maggioranza razzista contrariamente a quella vista in occasione dei respingimenti o che si legge, purtroppo,  anche oggi sui quotidiani.

 
La mimosa ha un grappolo in più PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 13 Marzo 2013 13:27

Se la mimosa é un simbolo che racchiude migliaia di storie di donne, di sfruttamento e violenza, di emarginazione, oggi quel ramo si arricchisce di un fiore in più. E' quello che rappresenya la storia di una grande donna che amava il suo essere donna quanto la libertà, la democrazia, e per questo aveva lottato in guerra prima e nell'Italia libera poi.   Quel fiore in più si chiama Teresa Mattei.   Ultima delle donne elette nell'Assemblea Costituente delle 21 che entrarono in Parlamento cui faceva parte pure l'eletta nel collegio di Ancona Adele Bel Ciufoli (PCI), segno dell'avanguardia che Ancona ha sempre rappresentato nell'alveo delle Istituzion e del movimento operaio dell'antifascismo.

Leggi tutto...
 
Rivoli onora il nostro Luigi Moschini PDF Stampa E-mail
Scritto da Armando Duranti   
Martedì 12 Marzo 2013 13:12

Abbiamo ringraziato Franco Briunetta conferendogli il Premio Nazionale ANPI Fabrizi lo scorso aprile per i suoi lavori di ricerca sulla Resistenza piemontese cui non siamo stati indifferenti per la vicinanza che quei resistenti hanno avuto con la nostra città. Cadde il 26 aprile 1945 a Torino il partigiano Giorgio Latis, figlio della nostra concittadina di origine ebraica Annita Bolaffi la cui sorte finì ad Auschwitz, e Luigi Moschini.

Se del primo la conoscenza dei fatti che lo riguardano e riguardano la sua famiglia é recente, ciò non altrettanto vero per Luigi la cui  figura di martire della libertà fu nota quasi subito dopo i fatti che lo riguardano.  Non altrettanto noti a tutti sono stati i fatti che lo portarono al martirio e il suo ruolo primario nella Resistenza piemontese con il nome di Gino I.

Leggi tutto...
 
Comunicato ANPI Macerata PDF Stampa E-mail
Scritto da ANPI Macerata   
Lunedì 11 Marzo 2013 14:54

Qualcuno potrebbe pensare che siano solo degli imbecilli che non trovano di meglio, per sfogare la loro frustrazione, che imbrattare le mura della nostra città con scritte provocatorie con il corollario di simboli razzisti e nazisti.

Non è così!

Leggi tutto...
 
8 marzo PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 08 Marzo 2013 14:31

 
Comunicato ANPI sulle affermazioni della capogruppo M5S al parlamento PDF Stampa E-mail
Scritto da ANPI   
Mercoledì 06 Marzo 2013 14:40
 

 

"A proposito delle affermazioni di una esponente del gruppo dei "grillini " in Parlamento, Roberta Lombardi, rilevo ancora una volta che i pregiudizi, come quello del "fascismo buono ", sono duri a morire, anche quando confliggono con la realtà storica."

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 06 Marzo 2013 13:26

6 marzo 2013

 

 

 

 

 
« InizioPrec.12Succ.Fine »

Pagina 1 di 2