24 marzo 44, La giornata dell'orgoglio osimano PDF Stampa E-mail
Notizie - Ultime
Scritto da Administrator   

IL 24 marzo 1944 si consumava l'immane tragedia dell'assassinio di 335 persone alle Fosse Ardeatine.

Noi ricordiamo quell'episodio ricco di tristezza ma anche d'orgoglio perchè su questa ed altre vicende di sacrificio si é costruita l'Italia che viviamo con tutte le sue certezze e le sue contraddizioni ma comunque libera e democratica.
 

Noi osimani quel giorno vivemmo la nostra tragedia, la più grande ma anche la più gloriosa che la Osimo moderna abbia conosciuto: il combattimento di Chigiano Valdiola. In quello scontro con preponderanti forze nazifasciste opposte, persero la vita in battaglia i nostri Franco Stacchiotti, Alessio Lavagnoli, Lelio Castellani e Piero Graciotti.   Tutti e quattro vennero catturati,gettati dal ponte di Chigiano insieme agli altri prigionieri, evirati ed il risultato di quella macabra bestialità messo loro in bocca soffocando così i loro ultimi respiri. Il loro sacrificio consentì però alla V divisione Garibaldi Marche di stanza sul S. Vicino ed Elcito di battere i nazifascisti e quindi di ricacciarli.  Noi ricordiamo questi quattro ragazzi di Osimo e siamo empi d'orgoglio di essere coloro che continuano le loro battaglie per òla democrazia e la libertà nostra, dei nostri figli e di quelli che ci sono contro come ebbe a dire il Comandante Bulow Arrigo Boldrini.